Ribes Nigrum: rimedio naturale per l’allergia stagionale

salute  


ribes nigrumCon l’inizio della primavera e delle fioriture, ecco ricomparire le tanto fastidiose allergie stagionali. Tipici sintomi fastidiosi ed invadenti sono la rinite e congiuntivite, classicamente riconosciute come infiammazioni del tratto rino-faringeo e congiuntivale-oculare, per non parlare dell’asma bronchiale nei casi più vistosi. La classica terapia farmacologica ci viene in aiuto con i soliti antistaminici che rappresentano sicuramente la strada più scontata e, ahinoi, non priva di ostacoli quali gli ormai noti effetti collaterali. Che senso ha, dunque, sopprimere un sintomo spontaneo, per poi ritrovarsene altri artificiali, magari meno fastidiosi, ma pur sempre condizionanti?

Prima di ogni altra cosa, proviamo ad affidarci ad una terapia più dolce ed integrata nei ritmi naturali di noi tutti. Impariamo allora a conoscere il Ribes Nigrum, amico delle persone allergiche e non solo.

Attualmente, il Ribes Nigrum rappresenta uno dei più importanti rimedi della gemmoterapia grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie ed antiallergiche ad azione cortisonica naturale, poiché la sua azione è rivolta in modo particolare alle ghiandole surrenali  dove stimolerà la corteccia al rilascio di sostanze che possiedono azione ‘cortison-like’ senza averne però la tossicità. Dal punto di vista sperimentale, il Ribes Nigrum stimola gli 11-ossisteroidi ed incrementa il livello di corticosteroidi che svolgono l’importante ruolo di attivatori della risposta endogena ai processi infiammatori, inoltre inibisce direttamente le catene enzimatiche che producono i prostanoidi, e per tale motivo la gemma di Ribes Nigrum previene ed inibisce i processi di flogosi ed è in grado di dominare la fase infiammatoria primaria specialmente se a predominanza allergica, oltre a ridurre la produzione di IgE, la chemiotassi leucocitaria e la liberazione di istamina e chinine da parte dei mastociti.

Nell’allergia stagionale, tale rimedio si rende utilissimo in tutti i casi in cui si presentino: sindromi infiammatorie locali e generali a livello mucosale, epiteliale e respiratorio, riniti e rinofaringiti recidivanti, oculoriniti e congiuntiviti, asma bronchiale, bronchiti allergiche, orticaria e dermatiti allergiche, eczemi, edema di Quincke e Shock anafilattico secondario a punture d’insetto.

ribes nero 2La gemmoterapia prescritta abitualmente prevede l’assunzione di Ribes Nigrum in macerato glicemico 1 DH, nella quantità di 50 gocce due volte al giorno prima dei pasti principali, oppure 100 gocce in unica somministrazione al mattino subito dopo il risveglio, eventualmente in associazione con altri gemmoterapici.

Detto questo, è molto importante affidarsi a professionisti qualificati, che sappiano ascoltare molto ed individuare la terapia più appropriata e le relative associazioni consigliate. La strada più battuta non è detto che sia quella migliore, molte volte le risposte giuste ci arrivano dal passato e dalla tradizione erboristica che da sempre ha migliorato la vita dell’uomo, senza complicarla con alcun effetto collaterale, come ad esempio quelli classici del Cortisone…