Acerola Biologica, il toccasana per il sistema immunitario

Prodotti consigliati, salute  


Acerola Biologica Un efficace antiossidante • Supporta il sistema respiratorio • Rafforza il sistema immunitario • Può portare beneficio a coronaropatia • Contribuisce alla salute delle funzioni cardiovascolari • Essenziale per la produzione di collagene

Cos’è Acerola Biologica?
L’acerola (Malpighia glabra) o Acerolla, nota anche come Ciliegia di Barbados o crapemyrtle, è un frutto tropicale di cespugli o di piccoli alberi, appartenenti alla famiglia delle Malpighiaceae. È presente nel Sud del Texas, in Messico, nei Caraibi, in Perù ed in Bahia in Brasile. È coltivato anche in India. Cresce fino a raggiungere i 3 m di altezza, con una densa corona di spine. Le foglie sono sempreverdi, semplici ovato-lanceolate, lunghe 5-10 cm, con un margine intero. I fiori assumono la caratteristica forma ad ombrello, formato da 2-5 fiorni in totale, ed ogni fiore è di circa 1-1,5 cm di diametro, con cinque petali rosa o rossi.
L’Acerola è un’ottima fonte di vitamina C. Questa contiene da 1 a 4,5 per cento di vitamina C (1000 a 4500 mg/100 g), nella porzione commestibile del frutto. Questo supera di gran lunga il contenuto di vitamina C in arance sbucciate (circa 0,05 o 50 mg/100 g). La vitamina C è un coenzima essenziale   necessario per le normali funzioni metaboliche. Molti animali possono sintetizzare la vitamina C dal glucosio, ma l’uomo deve ottenere la vitamina da fonti alimentari.

Perchè si deve prendere l’Acerola Biologica?

• Proprietà anti-allergiche e anti-virali: La vitamina C è necessaria alla produzione del collagene, la “colla” che rafforza molte parti del corpo, come ad esempio la massa muscolare e i vasi sanguigni. La vitamina C gioca anche un ruolo fondamentale nella guarigione di ferite ed agisce come antistaminico naturale. La vitamina favorisce inoltre la formazione della bile del fegato ed aiuta a combattere e a disintossicare l’organismo da alcool e da altre sostanze. 

• Antiossidante: Si ritiene che le proprietà antiossidanti della vitamina C proteggano i fumatori e le persone esposte al fumo di seconda mano dagli effetti nocivi dei radicali liberi. Uno studio sperimentale controllato ha dimostrato che 3 grammi di vitamina C, consumati da non-fumatori due ore prima di essere esposti al fumo delle sigarette, riducono il danno causato dai radicali liberi e l’ossidazione del colesterolo LCD associata con l’esposizione al fumo. Il declino, indotto dal fumo, della difesa globale anti-ossidante, è apparso anch’esso ridotto. Questi benefici effetti non sono stati osservati in non-fumatori in condizioni ambientali normali (ossia senza esposizione a radicali liberi).

• Colesterolo: Nel suo ruolo di antiossidante, una delle funzioni più importanti della vitamina C è quella di proteggere il colesterolo LDL dai danni causati dall’ossidazione. (Soltanto quando LDL è danneggiato, il colesterolo può condurre a patologie cardiache e la vitamina C può essere uno dei protettori anti-ossidanti più importanti di LDL.) La vitamina C può anche proteggere contro patologie cardiache riducendo la rigidità delle arterie e la tendenza delle piastrine ad aggregarsi.

• Disintossificazione: La vitamina C aiuta a proteggere l’organismo contro un accumulo o una ritenzione di piombo, noto minerale tossico. In uno studio preliminare, gli individui con alti livelli di vitamina C nel sangue, mostravano un rischio decisamente inferiore di accumulare livelli troppo alti di piombo nel sangue. In uno studio controllato, i fumatori maschi con un livello di piombo da moderato ad alto, ricevettero supplementi di 1.000 mg al giorno di vitamina C, 200 mg al giorno di vitamina C o un placebo. Sebbene soltanto coloro che avevano preso 1.000 mg al giorno di vitamina C mostrarono una caduta del livello di piombo presente nel sangue, la riduzione di piombo in questo gruppo risultò drammatica. 

• Diabete: La vitamina ha dimostrato di poter ridurre negli individui l’attività dell’enzima aldoso redattasi. L’enzima aldoso redattasi è responsabile dell’accumulo di sorbitolo negli occhi, nei sistema nervoso e nei reni delle persone affette da diabete. Si ritiene che tale accumulo sia responsabile per il deterioramento, associato al diabete, di queste parti dell’organismo. L’interferenza quindi con l’attività dell’enzima aldoso redattasi aiuta in teoria a proteggere contro il diabete.

• Salute degli occhi: L’attuale evidenza scientifica indica che i livelli di vitamina C presente negli occhi si riduce con l’età e che un supplemento di vitamina C previene questa riduzione con un conseguente minor rischio di sviluppare la cataratta. Persone sane hanno segnalato, in diversi, ma non in tutti gli studi, di prendere probabilmente con più regolarmente supplementi di vitamina C e di vitamina E rispetto alle persone affette da cataratta.

• Salute cardiaca: Alcuni ricercatori hanno dimostrato di recente che la vitamina C migliora l’attività di ossidazione nitrica. L’ossido nitrico è necessario per la dilatazione dei vasi sanguigni ed è potenzialmente molto importante per l’abbassamento della pressione del sangue e per la prevenzione di spasmi arteriosi nel cuore che potrebbero altrimenti condurre ad infarti o ictus. La vitamina C ha inoltre invertito la disfunzione dei vasi sanguigni delle pareti cellulari. La normalizzazione delle funzioni di queste cellule potrebbe essere associata alla prevenzione di patologie cardiache.

Acquista direttamente dal sito